lunedì 7 maggio 2012

Leonardo da Vinci: video 1 - 2 - 4 da ULISSE




ULISSE - Leonardo da Vinci (parte 1) - - .
. Ulisse - Leonardo da Vinci (parte 2) - il vino - -
-
 Ulisse - Leonardo da Vinci (parte 4)- napoleone e taccuini - -
 appuntamento con leonardo
 questa volta dedicato
 ai suoi taccuiti degli appunti
 e a napoleone tratto da ulisse
 -

-


.
 .
 .

-

Leonardo da vinci : l'anatomia , video da ulisse


Ulisse - Leonardo da vinci (parte 3)- l'anatomia 

 -

 

-

appuntamento con leonardo

 questa volta dedicata all'anatomia tratto

 da ulisse del 21/3/09

 -


.

Buckingham Palace : disegni di Leonardo





Chi ama Leonardo da Vinci deve visitare Londra: negli ultimi mesi la capitale britannica sta davvero viziando gli appassionati del grande genio toscano. A poco più di tre mesi dalla chiusura della straordinaria mostra su Leonardo pittore alla National Gallery, apre alla Queen's Gallery di Buckingham Palace una altrettanto stupefacente rassegna, la più completa mai realizzata sui disegni anatomici di Leonardo, quasi tutti nella collezione reale britannica a Windsor Castle. foto A Buckingham Palace i disegni di Leonardo .
. «L'idea era nata in piccolo, come una mostra di disegni del corpo umano per celebrare le Olimpiadi a Londra - spiega Martin Clayton, direttore della mostra e responsabile dei disegni della Royal Collection a Windsor Castle -. Poi abbiamo deciso di ampliarla a quasi novanta disegni anatomici di Leonardo nella collezione reale, comprese decine di fogli che finora non erano mai stati mostrati in pubblico».

I disegni anatomici di Leonardo, che avrebbero dovuto essere raccolti in un Trattato progettato ma mai completato, alla morte dell'artista nel 1519 furono lasciati al suo assistente Francesco Melzi, poi riuniti in un volume in pelle da Pompeo Leoni e venduti nei primi anni dei Seicento. Nel 1690 arrivarono in Inghilterra, quasi certamente acquistati da Carlo II e da allora sono rimasti nella collezione reale. Furono riscoperti e studiati solo dopo il 1900 e da allora la loro grande importanza è stata realizzata.
La mostra, che inizia con la cartella in pelle da cui sono stati estratti i fogli, procede in ordine cronologico dai primi sezionamenti di corpi umani fatti da Leonardo intorno al 1485, epoca in cui contrariamente a quanto si crede la dissezione non era proibita dalla Chiesa e l'artista, ispirato da Avicenna e Galeno di Pergamo, disegna quanto scopre durante i suoi esperimenti in ospedali e scuole di medicina.
Sono di quest'epoca i bellissimi studi di un teschio umano, i primi e più dettagliati mai realizzati allora. C'è poi un intervallo durante il quale Leonardo si dedica principalmente alla pittura prima di tornare agli studi anatomici. Nell'inverno del 1507/8 fa l'autopsia di un uomo di cento anni, con cui aveva parlato prima della sua morte, e mostra il suo interesse per la neurologia.

  Negli anni seguenti Leonardo lavora incessantemente, in collaborazione con Marcantonio della Torre, professore di anatomia all'Universitá di Pavia. Il risultato di oltre venti dissezioni e studi sono centinaia di disegni e dettagliati appunti che rivelano il suo profondo interesse per muscoli e nervi, ossa e membrane, cuore e cervello.


Studia in modo approfondito molti animali, dal bue all'orso, dalla scimmia agli uccelli, ma al centro del suo interesse c'è sempre l'uomo. I suoi straordinari disegni di embrioni e feti nell'utero, evidenziati con il colore come per sottolineare il loro potenziale umano, tolgono il respiro.


Dopo la morte di della Torre Leonardo lascia Milano alla volta di Roma, dove gli fu impedito di continuare i suoi studi anatomici e poi si trasferisce in Francia dove muore senza avere completato il suo Trattato di anatomia.

Il lavoro pioneristico di Leonardo unisce il rigore dello scienziato, l'incessante curiosità del genio e la grande abilitá dell'artista. I disegni utilizzano i principi dell'architettura per mostrare gli organi umani in sezione e in prospettiva, e quelli dell'ingegneria per «smontare» l'organo e rivelarlo in tutti i suoi elementi.

«All'inizio Leonardo studia l'anatomia umana nel contesto della pittura, per rendere meglio i corpi, le fisionomie e le espressioni nei suoi dipinti, - spiega Clayton. – I suoi disegni anatomici più tardi, però, non hanno alcun collegamento con la pittura. Negli ultimi dodici anni della sua vita Leonardo ha smesso di dipingere e si considerava soprattutto uno scienziato. Le sue opere di questo periodo sono di gran lunga le piú significative». - Leonardo da Vinci: Anatomist The Queen's Gallery, Buckingham Palace, Londra Fino al 7 ottobre 2012 www.royalcollection.org.uk -


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

http://www.mundimago.org/

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.
 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP


http://mundimago.org/le_imago.html



.

.

Elenco blog AMICI

FACEBOOK

no copy