venerdì 1 luglio 2016

Fotografia e Storia


La fotografia è nata come esperimento scientifico, 
ma oggi costituisce un efficace mezzo di lavoro in 
numerosi campi dell'attività umana ed un 
riconosciuto mezzo di espressione artistica.


La fotografia è il risultato dell'applicazione del principio della camera oscura, già noto a Leonardo Da Vinci, al quale è dovuta la sua prima completa descrizione all'interno del "Codice atlantico". Nel 1568 il veneziano D. Barbaro migliorò il sistema applicando una lente al foro di ingresso della luce nella camera oscura. Dopo di lui diversi studiosi perfezionarono ulteriormente il sistema stesso apportandovi modifiche e introducendo altri particolari.

Il merito dell'invenzione della fotografia è però universalmente riconosciuto al francese N. Niepce, nel 1822, che scoprì l'insolubilità del bitume di Giudea esposto alla luce e se ne servì per la preparazione di superfici fotosensibili. Tuttavia, l'uomo che aprì la strada a una forma pratica della fotografia fu L. Daguerre, che nel 1839, in collaborazione con lo stesso Niepce, riuscì a fissare le immagini ottenute nella camera oscura trattenendo con vapori di mercurio le lastre di rame sensibilizzate. Questo sistema fu detto "dagherrotipia", e sebbene le immagini non potessero essere riprodotte, si rivelarono di grande utilità perchè risultarono molto più chiare
 di quelle ottenute da altri in precedenza.

Nel 1841 l'inglese Fox Talbot creò una sua pellicola rivestendo la carta con ioduro d'argento: il risultato fu un negativo di carta che poteva riprodurre, mediante la luce, varie volte l'immagine su carta sensibilizzata. Questo procedimento fu detto "calotipia". 


I dagherrotipi e i negativi di carta di Talbot caddero in disuso verso il 1860 con l'introduzione delle lastre di vetro trattate chimicamente. Il vetro costituiva un ottimo supporto dell'emulsione chimica sensibile perchè la sua trasparenza non ostacolava il passaggio della luce, rendendo così possibili stampe nitide e chiare.

L'aderenza dell'emulsione sensibile al vetro veniva ottenuta con un liquido vischioso detto "collodio". In pratica le lastre dovevano essere preparate, esposte e sviluppate sul posto, prima che l'emulsione 
asciugandosi deformasse l'immagine. Si trattava di un processo alquanto complicato che costringeva il fotografo a portare con se pesanti e ingombranti attrezzature.

Tutto ciò finì nel 1871 con l'avvento delle lastre asciutte, che non solo potevano essere preparate in 
anticipo, ma erano fino a 60 volte più sensibili della vecchia varietà di lastre umide, quindi l'azione 
poteva essere fermata con tempi rapidi di esposizione.


Le nuove lastre portarono a cambiamenti nella struttura degli apparecchi fotografici: infatti fino ad allora le fotografie erano eseguite togliendo il cappuccio all'obiettivo, dato che la durata dell'esposizione richiedeva addirittura dei minuti. Ora invece, con lastre più rapide, si resero necessari complessi otturatori meccanici per il controllo dei tempi di esposizione. Si ebbe inoltre l'inizio della fabbricazione industriale delle lastre, mentre gli sforzi dei tecnici si orientavano verso un tipo di supporto dell'emulsione più pratico rispetto alle fragili e pesanti lastre di vetro.

Nel 1884 G. Eastman creò la prima pellicola fotografica su carta e, pochi anni dopo, nel 1888, 
perfezionò il procedimento realizzando una pellicola in rullo alla nitrocellulosa. I successivi progressi tecnici hanno portato molti cambiamenti nel modo di eseguire una fotografia, ma i due principi basilari, cioè pellicola e camera oscura, sono rimasti, salvo il miglioramento dei materiali. 

Il progresso dell'elettronica permise di adottare alcune delle ultime scoperte anche nell'acquisizione 
delle immagini. Nel 1958 Russell Kirsch trasformò una fotografia del figlio in un file attraverso un 
prototipo di scanner d'immagine. Nel 1972 la Texas Instruments brevettò un progetto di macchina 
fotografica senza pellicola, utilizzando però alcuni componenti analogici. La prima vera fotografia 
ottenuta attraverso un processo esclusivamente elettronico fu realizzata nel dicembre 1975 nei 
laboratori Kodak dal prototipo di fotocamera digitale di Steven Sasson. 

Oggi l'attrezzatura di un fotografo è ridotta a un apparecchio fotografico portatile dotato di una ristretta serie di accessori. Inoltre, la luce non condiziona più la possibilità di eseguire una buona fotografia, in quanto si può disporre di sorgenti di luce artificiale. La fotografia moderna si è quindi sviluppata in ogni campo, sia artistico, sia scientifico che commerciale.

LEGGI ANCHE
.


Sono Web Designer, Web Master , Blogger : 
realizzo pagine internet leggere e responsive ,  
creo loghi , e curo i brevetti dai 
biglietti da visita alla insegna luminosa , 
realizzo banner e clip animate per pubblicizzare il vostro sito ,
 contattatemi e sarete on line. 

Mi trovi QUI 
  http://www.cipiri.com/



Elenco blog AMICI

  • Stefano Rodotà, grazie professore - Le abbiamo voluto bene come a un padre Si dice “padri della patria” per indicare chi ha fatto da guida. Salutando Stefano Rodotà, dobbiamo dire addio a u...
  • Siamo Single - Quando regalerai un fiore ricorda....dovra' profumare di te...del tuo amore...avere il colore delle tue attenzioni e la grandezza del tuo rispetto...ma r...
  • MAGNESIO - MAGNESIO: il minerale che aiuta a curare quasi tutto E’ lo scarto del sale, ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi e svolge un ruolo fonda...
  • Privacy Policy e Google Analytics - Google ha iniziato ad apportare alcune modifiche alla funzionalità di Remarketing di Google Analytics, arricchendola con le informazioni e i dati cross-d...
  • Scoperti altri ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...

FACEBOOK

no copy